Lun. Ago 2nd, 2021

Montone: Progetti Utili alla Collettività, il Comune punta sul rispetto dell’ambiente e decoro urbano

Un’occasione di inclusione, crescita ed arricchimento per i beneficiari e per la comunità: sono i cosiddetti PUC, Progetti Utili alla Collettività, che a breve partiranno anche nel Comune di Montone. 

I percorsi, attivati nell’ambito dei Patti per il lavoro e per l’inclusione sociale, sono rivolti ai cittadini beneficiari del reddito di cittadinanza che, come previsto dalla normativa, sono tenuti a svolgere le varie attività per almeno 8 ore settimanali, aumentabili fino a 16. I Comuni sono responsabili dei PUC e li possono attuare in collaborazione con altri soggetti. Per questo l’amministrazione montonese si è subito attivata elaborando il progetto “Cura e manutenzione di spazi ed edifici pubblici comunali”, che coinvolgerà due persone selezionate dal Centro per l’impiego o dal Servizio sociale del Comune. L’intento del progetto è quello di sviluppare nel beneficiario le competenze e l’acquisizione di nuove conoscenze, mediante esperienze formative sul campo, ma anche di migliorare il decoro urbano attraverso attività che rendano più accoglienti, ospitali e decorosi gli spazi urbani, gli immobili pubblici, gli spazi comuni, le aree a verde pubblico.

“Il supporto ai servizi già presenti – spiega l’amministrazione – andrà a produrre un valore aggiunto per tutta la comunità, aumentando la qualità dei servizi stessi e la sensibilizzazione dei cittadini al rispetto dell’ambiente e del patrimonio pubblico. Lo svolgimento di questo progetto non richiede il possesso di titoli specifici, ma si tenterà di valorizzare le abilità e le competenze di coloro che hanno esperienza nelle piccole manutenzioni e nella cura del verde”. 

I percorsi da attivare prevedono, per ciascun beneficiario, un impegno di 12 ore settimanali da svilupparsi nelle giornate del lunedì, mercoledì e venerdì.

Nel dettaglio i beneficiari saranno impegnati nelle attività di manutenzione e cura delle aree verdi comunali (verde urbano, parchi); nel diserbamento stradale urbano e nelle attività di sfalcio (centro urbano, periferie, frazioni, ingressi al paese); nella manutenzione, riparazione, verniciatura dei giochi per bambini installati nelle aree verdi e, in generale, dell’arredo urbano, comprese le piccole manutenzioni, come il ripristino degli intonaci e la tinteggiatura, degli edifici di proprietà comunale, inclusi gli edifici scolastici.

Commenti