Ven. Apr 23rd, 2021

Pasqua 2021, gli auguri del Presidente della Croce Rossa Italiana di Sansepolcro: un messaggio pieno di speranza, anche nella pandemia

Cari Volontari, Dipendenti e tutti voi, uomini e donne, che avete dato e date alla Croce Rossa Italiana il privilegio di essere l’organizzazione umanitaria più importante del globo.
Anche quest’anno l’augurio di buona Pasqua è influenzato dalla pandemia, che da oltre un anno ci sta perseguitando, riducendo anche la nostra libertà e le nostre relazioni. La pandemia sta indebolendo e mettendo a dura prova soprattutto le persone più deboli e più fragili: gli anziani, gli ammalati, le famiglie con equilibri economici precari e quelle con figli minori.


Ma non possiamo dimenticare quanti, e sono molti, stanno subendo o subiranno le pesanti conseguenze economiche e sociali generate dalle prolungate misure di contenimento del virus.
L’augurio è sincero e commosso al pensiero di tanta sofferenza e paura.
In questa condizione però si può cogliere un aspetto che tocca tutte le dimensioni della nostra vita e che penso abbia già contagiato tanti di noi: la nostalgia.
La nostalgia di tempi passati, di volti di persone care, di sentimenti ed emozioni forti. È sempre nostalgia di cose belle. La nostalgia riguarda sempre la bellezza e noi, che da sempre partecipiamo ad un progetto improntato sulla costruzione della bellezza, ne siamo particolarmente colpiti. Nostalgia delle cose di Dio, che significa anche la riscoperta di una vita capace di dare senso a ciò che facciamo e di trovare il senso della vita, del lavoro, delle emozioni, di quei valori e ideali come la giustizia, la libertà, la dignità dell’uomo, per i quali sempre abbiamo lottato e che ci hanno permesso di crescere come società. Ritornare al senso della nostra vita significa ritrovare anche coraggio e forza per affrontare le fatiche e giustificare il nostro impegno di uomini e donne.


Un augurio pieno di gratitudine a chi, come Voi, da oltre un anno combatte in prima linea questa guerra e a chi, continuando a lavorare, garantisce i servizi essenziali.
Auguro alle comunità territoriali di attraversare questi momenti difficili e il ritorno alla normalità. Questo tempo, così particolare e faticoso, ci porta a scoprire ciò che è davvero essenziale, vitale e che nessuno e niente può toglierci; ciò che ci rende uomini e donne capaci di trasmettere il proprio patrimonio spirituale ai nostri figli e di introdurre alla vita i nostri giovani: la speranza. Una vita mossa dalla speranza è attratta da un domani che si prospetta migliore e che si attende con fiducia, sapendo di poterlo costruire insieme, grazie alle capacità che ci sono date, alla nostra intelligenza, alla buona volontà.
La Pasqua è la vittoria del bello e del buono. È vittoria della giustizia, della vita, della speranza. Pasqua è la vittoria dell’uomo!


La vittoria del bene, per noi cristiani, è stata realizzata pienamente in Gesù: per questo noi cristiani ci diamo appuntamento solenne per celebrare la vittoria di Gesù sulla morte. Un annuncio, custodito da 2000 anni dalle comunità cristiane, che ci offre speranza. Anche nella pandemia 2021.
Buona Pasqua a tutti!

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: