Dom. Apr 18th, 2021

Covid-19 a Città di Castello:  Bacchetta: “anche ieri il numero dei nuovi positivi , 11, è nettamente inferiore ai guariti, ben 35”. Dalla prossima settimana Città di Castello avrà due punti vaccinali”

“Anche ieri, come oramai da dieci giorni, il numero dei nuovi positivi al Covid, undici, è nettamente inferiore a quello delle persone guarite, ben 35”. Lo ha reso noto stamattina il sindaco Luciano Bacchetta, sottolineando che “un trend consolidato, continuo e importante come quello attuale ci fa ben sperare nel ritorno alla normalità, anche se dobbiamo sempre essere cauti nelle valutazioni”.

“Per la Pasqua dal Governo e dalla Regione vengono indicazioni di controlli molto intensi e di ulteriori limitazioni”, ha osservato il primo cittadino, evidenziando come “l’intenzione sia quella di combattere in maniera radicale il Coronavirus anche nell’ottica della campagna di vaccinazione di massa, che sarà opportunamente per fasce d’età, con priorità alle persone particolarmente fragili, piuttosto che per categorie”. “Forse alcuni avranno già visto che è stata installata la cartellonistica per l’apertura del secondo punto vaccinale presso la palestra dell’istituto Ippolito Salviani, confermiamo quindi che dalla prossima settimana Città di Castello avrà a disposizione due sedi per la somministrazione dei sieri anti Covid-19”, ha detto Bacchetta. “E’ un risultato importante, del quale siamo molto soddisfatti, perché potrà contribuire a dare un impulso significativo a una campagna di vaccinazione di massa che, se sarà intensa e ben organizzata, sarà decisiva nella battaglia al Covid-19”, ha aggiunto il sindaco, ringraziando ancora la Pro Loco di Trestina per “la generosità e la sensibilità con cui ha messo a disposizione il Cva della frazione”.

In questo contesto Bacchetta ha ribadito di ritenere “opportuno che, compatibilmente con la struttura organizzativa dell’Usl Umbria 1, che è il soggetto deputato a prendere queste decisioni in materia di politica sanitaria, vengano ulteriormente estesi i punti di vaccinazione a Città di Castello”. “Più sedi ci saranno e più la campagna di vaccinazione sarà capillare e incisiva”, ha rimarcato il sindaco, pensando anche alla possibilità di tornare ad assicurare prima possibile l’attività scolastica in presenza. “Si parla insistentemente della riapertura delle scuole primarie dopo Pasqua, anche se il dato regionale continua a testimoniare un’incidenza ancora piuttosto alta dei casi di contagio tra i giovanissimi”, ha sottolineato Bacchetta, che ha aggiunto: “per le scuole superiori purtroppo, la decisione è invece ancora procrastinata nel tempo”.

(foto allegate)

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: