Ven. Apr 23rd, 2021

Città di Castello: sport e ambiente a braccetto con la concessione della gestione del ruzzolodromo e dei laghi spada all’asd circolo Uisp tifernate


“I giochi popolari sono un presidio di tradizione e socialità che va salvaguardato e promosso, tanto più nella difficile situazione attuale, guardando a un futuro nel quale possano essere fattore di riscoperta di una cultura sportiva che si sposa in maniera ideale anche alla sensibilità ambientale”. L’assessore allo Sport e all’Ambiente Massimo Massetti ha sottolineato così la cerimonia nella residenza municipale di piazza Gabriotti per la firma della concessione in sub-comodato del ruzzolodromo del parco naturale dei Laghi Spada all’Associazione Sportiva Dilettantistica Circolo Uisp Castello, con la relativa consegna delle chiavi della struttura polifunzionale a servizio del percorso di gioco. L’affidamento del complesso, per la durata di cinque anni, è avvenuto a seguito di una procedura a evidenza pubblica in cui i partecipanti dovevano presentare uno specifico progetto di gestione, secondo gli indirizzi dettati dall’amministrazione comunale, al fine di favorire la pratica di attività sportive e ricreative. “La concessione dell’edificio polifunzionale e dell’annessa area naturalistica situati lungo il Tevere – spiega Massetti – punta a rafforzare un legame tra sport e ambiente che può rappresentare una opportunità preziosa per la nostra comunità e che l’impianto di proprietà dell’Agenzia Forestale Regionale dell’Umbria (Afor), concesso in comodato d’uso al comune di Città di Castello per lo svolgimento di attività di interesse pubblico grazie alla disponibilità dell’amministratore unico Manuel Maraghelli, valorizza alla perfezione”. “Ecco perché – ha sottolineato Massetti – ci aspettiamo che l’Associazione Sportiva Dilettantistica Circolo Uisp Castello A.S.D del presidente Valter Carletti sappia dare positivo impulso a questo obiettivo, sfruttando al meglio gli importanti investimenti sostenuti per la riqualificazione dell’area e continuando una tradizione che i soci del sodalizio portano avanti con grande passione da circa 40 anni”. Proprio all’attività assicurata da quattro decenni dall’associazione si deve infatti la continuità dei giochi tradizionali nel territorio di Città di Castello e dell’Altotevere. Oggi sono circa 60 i soci del sodalizio, che rappresenta la passione e lo spirito sportivo di atleti di tutta la vallata e di tutte le fasce d’età, dai ventenni fino agli ultraottantenni, come il decano delle discipline tradizionali Gino Bellucci, presidente onorario e fondatore dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Circolo Uisp Castello A.S.D, che ha partecipato alla firma della concessione insieme ai componenti dell’associazione. Per l’amministrazione comunale sono intervenuti alla cerimonia il neo dirigente Andrea Moretti, con Angiolo Boncompagni che ha lavorato insieme a Benedetta Rossi alle procedure tecniche dell’atto. L’affidamento del complesso naturalistico dei Laghi Spada sarà finalizzato allo svolgimento dell’attività sportiva legata alla ruzzola, al rulletto e al lancio del formaggio, che dell’Associazione Sportiva Dilettantistica Circolo Uisp Castello A.S.D promuove con il patrocinio della Federazione Italiana Giochi e Sport Tradizionali, organizzando manifestazioni anche di rilievo nazionale lungo il percorso del ruzzolodromo, lungo 2 chilometri ed illuminato per metà anche al fine di consentire eventi notturni. La gestione comporterà, tra l’altro, lo svolgimento di una serie di prestazioni ed interventi volti ad assicurare la funzionalità e la fruibilità dell’area, compresi la cura generale, la custodia e la pulizia, valorizzando anche a fini sociali l’edificio polifunzionale che è stato recentemente ristrutturato nell’ambito dei finanziamenti previsti dal Programma parallelo P.O.R. – F.E.S.R. 2007/2013 – Asse II – Attività B1. “La concessione consentirà di perseguire gli obiettivi di conservazione e valorizzazione della zona umida dei Laghi Spada, ma anche di dare impulso alla pratica e alla conoscenza dei giochi tradizionali, soprattutto guardando ai giovani delle scuole, nella prospettiva di diffondere e perpetuare la pratica degli sport tradizionali anche in futuro”, conclude l’assessore Massetti.

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: