Sab. Gen 23rd, 2021

Il 2020 dell’archivio e della biblioteca della diocesi di Città di Castello

Nell’anno 2020 la sala consultazione dell’Archivio Storico Diocesano e della Biblioteca Diocesana “Storti – Guerri” di Città di Castello ha registrato 580 accessi, di cui 360 relativi a ricerche d’archivio e 220 a ricerche in biblioteca. Sul totale, 170 accessi (102 per l’archivio, 68 per la biblioteca) si riferiscono al periodo precedente la chiusura del 6 marzo dovuta ai provvedimenti governativi per il contrasto al contagio da coronavirus Covid-19; dopo la riapertura, avvenuta il 3 giugno, si sono avuti 410 accessi (258 per l’archivio e 152 per la biblioteca). Anche nel secondo semestre l’apertura al pubblico è stata momentaneamente sospesa dal 6 novembre all’8 dicembre, sempre in ottemperanza alle disposizioni governative. Dal 3 giugno l’accesso è regolamentato da un protocollo che prevede un numero limitato a 3 utenti contemporaneamente presenti in sede, con postazioni individuali distanziate fra loro, l’uso di igienizzante per le mani e di mascherina naso-bocca. Il protocollo è ancora in vigore. 

La chiusura dei mesi di marzo-maggio e novembre-dicembre ha causato un calo di 325 accessi complessivi rispetto al 2019 (-37%), che con 875 accessi aveva raggiunto il numero massimo da quando, nel 1976, la biblioteca, inizialmente nata a servizio del Seminario Vescovile, è stata aperta al pubblico. Dal 2013 al 2020 gli accessi sono stati 5.126, per una media annuale di 640. 

La chiusura del servizio della sala consultazione ha favorito il prestito di materiale librario. Sono stati 208 i prestiti registrati, a fronte dei 186 dell’anno precedente, con un aumento di 22 unità (+ 12%). 

Nonostante la limitata attività di servizio al pubblico è stata garantita la consulenza telefonica e via email e sono stati portati avanti lavori di schedatura di oltre mille tra libri e opuscoli; al secondo piano della sede è stata allestita la nuova sala periodici (che si prevede di inaugurare pubblicamente quando sarà superata la pandemia), ricca di una collezione di riviste dal 1822 al 2020, di cui 24 correnti. Inoltre, sono stati sistemati a scaffale alcuni fondi personali. Anche il materiale liturgico è stato collocato in una sezione specifica che raccoglie calendari, messali, lezionari, rituali, breviari dei secc. XVII/XX. Infine, la biblioteca si è arricchita grazie alle donazioni di libri e opuscoli ricevute dal vescovo mons. Domenico Cancian, da don Giovanni Gnaldi e dal Centro Accoglienza “San Giovanni” di Giove (libri appartenuti a don Giuseppe Amantini). Contemporaneamente è andato avanti il lavoro di riordino archivistico, che si è espletato sia nell’aggiornamento di schede già esistenti che nella redazione di nuove schede relative a documenti dei vari fondi. Tutta l’attività è stata portata avanti dall’archivista e bibliotecaria, dott.ssa Cristiana Barni, coadiuvata da un bibliotecario e una archivista per progetti specifici. Ad essi si sono affiancati alcuni volontari, coordinati dalla Direzione. 

L’Archivio Storico Diocesano e la Biblioteca Diocesana “Storti – Guerri” riapriranno al pubblico il prossimo lunedì 11 gennaio 2021. L’orario sarà quello consueto: da lunedì a venerdì, ore 8,30-12,30; il mercoledì anche ore 15-19. Per informazioni rimane attivo l’indirizzo biblioeclesiastica@libero.it o, in orario di apertura, il numero telefonico 0758522832. 

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: