Gio. Gen 28th, 2021

Città di Castello in cifre: il 2020 nei numeri, statistiche e attività dei servizi demografici, elettorale e stato civile

Il 2020 in cifre. Nel corso dell’anno 2020, i Servizi Demografici (Responsabile, Daniela Salacchi) oltre che nella consueta attività di sportello, sono stati impegnati anche in attività straordinarie quali le consultazioni elettorali referendarie, originariamente previste per la fine di marzo 2020 e successivamente posticipate ad ottobre a causa dell’emergenza epidemiologica “Covid-19”. A tal proposito, l’emergenza ha indubbiamente condizionato la modalità ed i tempi dell’erogazione dei servizi, obbligando il settore all’adozione di misure eccezionali al fine di garantire sia la sicurezza degli utenti e del personale sia la continuità nell’erogazione dei servizi essenziali durante l’intero periodo di pandemia (gli uffici sono sempre rimasti aperti con operatori in presenza continuativa). Nello specifico gli 11 operatori dei servizi Anagrafe, Stato Civile ed Elettorale (fra cui uno nella sede distaccata di Trestina) hanno effettuato sia numerosi procedimenti ordinari di sportello (come i cambi d’indirizzo, le autentiche di firme e copie, i passaggi di proprietà dei veicoli, la certificazione corrente e dall’archivio, il rilascio di carte di identità), sia la registrazione di modifiche legalo allo stato civile, con particolare riguardo alle complesse pratiche per la concessione e riconoscimento della cittadinanza italiana e sulla corretta tenuta ed aggiornamento delle liste elettorali e della lista di leva.

Le movimentazioni anagrafiche registrate dal settore nel corso del 2020 sono state:
Tipo movimento
Maschi
Femmine
Totale () Nascite 126 124 250 Decessi 225 256 481 Iscrizioni 350 336 686 Cancellazioni 304 325 629 Cambi di indirizzo interni al comune 1.366 Carte di identità rilasciate (di cui CIE: 3.412; cartacee: 138) 3.667 Famiglie residenti 16.922 () Popolazione residente al 31/12/2020
39.059

Il Servizio di Stato Civile, nell’anno 2020, oltre ad aver svolto l’attività “ordinaria” di sportello (concernente la registrazione di nascite, decessi, cittadinanze, pubblicazioni di matrimonio, informazioni e supporto ai cittadini su numerose attività quali, ad esempio la cremazione o il riconoscimento della cittadinanza italiana ai cittadini discendenti da avi italiani), ha adeguatamente supportato tutte le attività riguardanti i matrimoni civili celebrati nel comune ( 29 matrimoni civili ed una unione civile) e ha svolto quelle derivanti da quelli religiosi ( 28); matrimoni che hanno subito una battuta d’arresto anche per l’emergenza sanitaria in corso che ha costretto numerose coppie a rinviare le celebrazioni programmate per l’anno 2020. Complessivamente sono stati trascritti 56 tra atti di matrimonio e di divorzio dall’estero, sono stati trattati e redatti atti per separazioni e divorzi (complessivamente tale attività ha comportato la registrazione di 13 divorzi, 5 separazioni, la trascrizione di 3 convenzioni di negoziazione assistita – tramite ricorso ai legali), 1 riconciliazione di cittadini precedentemente separati. Particolare riguardo meritano le numerose attività di verifica e gestione degli acquisti di cittadinanza italiana che hanno interessato – complessivamente 132 cittadini (a fronte degli 84 dell’anno precedente), comportando la trascrizione dei relativi decreti prefettizi o del Presidente della Repubblica, degli atti di nascita (anche di eventuali minori conviventi) ed atti di matrimonio; sono tuttavia le procedure sui riconoscimenti “iure sanguinis” le più peculiari ed impegnative ( 6) poiché hanno comportato una attenta e specifica istruttoria da parte del personale sulla regolarità di tutti gli atti presentati allo sportello dai richiedenti. Complessivamente nel corso dell’anno sono stati redatti 1.501 atti di stato civile comprendenti nascite, decessi, cittadinanze, matrimoni, separazioni e divorzi e 67 verbali di pubblicazioni di matrimonio (gli atti di nascita – iscritti e trascritti anche dall’estero e compresi i riconoscimenti e le adozioni – sono stati 386; per i decessi, gli atti formati per evento avvenuto all’interno del comune ed indipendentemente dalla residenza del soggetto deceduto, sono stati 619 oltre a 55 trascrizioni di eventi avvenuti fuori comune). In ultimo, il Servizio dello Stato Civile, è stato interessato da apposita formazione sulla corretta applicazione del Regolamento che disciplina la gestione delle DAT (disposizioni anticipate di trattamento) e si è completamente uniformato ai contenuti della recente normativa in materia (Decreto 10 dicembre 2019, 168), ora interfacciandosi direttamente con il Ministero della Salute al fine di registrare le DAT ricevute allo sportello nella Banca Dati Nazionale. Nel corso dell’anno gli addetti dei Servizi Demografici hanno implementato i contenuti necessari per l’accesso del cittadino al portale della certificazione on line che sarà completamente attivato a breve, consentendo a chiunque effettui l’apposita registrazione, di accedere in autonomia alla propria certificazione e ad altri servizi innovativi. Analoga attività legata all’innovazione, è stata quella svolta a seguito dell’entrata del Comune, dal 6 novembre 2019, nei database dell’Anagrafe nazionale della popolazione residente. L’ANPR infatti, sistema integrato che consente ai Comuni di svolgere i servizi anagrafici e di consultare o estrarre dati, monitorare le attività, effettuare statistiche, è già un punto di riferimento unico per l’intera Pubblica amministrazione e per tutti coloro che sono interessati ai dati anagrafici, in particolare i gestori di pubblici servizi. Nel 2020 si sono svolte anche le consultazioni elettorali referendarie che hanno impegnato tutto il personale dei Servizi Demografici nelle attività straordinarie legate all’organizzazione delle consultazioni medesime, secondo le direttive dettate dal Ministero dell’Interno e dalla locale Prefettura. È stato notevolmente ottimizzato, inoltre, il servizio di stampa e consegna delle tessere elettorali ai cittadini della zona sud del Comune, disponendo l’autonomia funzionale della Delegazione comunale di Trestina che già dalle consultazioni elettorali di ottobre 2020 ha svolto il servizio per i cittadini senza ricorrere alla stampa centralizzata delle tessere elettorali, come in passato, presso l’ufficio elettorale di Città di Castello. Particolarmente impegnativa è stata l’opera svolta dal personale del Servizio Elettorale per organizzare la raccolta del voto a domicilio e nelle strutture di cura (Ospedale e ASP “Muzi Betti”) alla luce dell’emergenza epidemiologica “Covid-19”; a tal fine è stato predisposto, di concerto con le autorità delle strutture Sanitarie deputate, un piano dettagliato di raccolta del voto prevedendo le massime misure di sicurezza sia a tutela degli elettori sia degli operatori addetti alla raccolta del voto. Gli addetti dei Servizi Demografici hanno inoltre continuato a dedicare attenzione e ad espletare le procedure sulla “donazione organi” in fase di rilascio della carta di identità ai cittadini maggiorenni; la possibilità di donare organi viene infatti estesa e comunicata a livello capillare tra la popolazione che si reca allo sportello per il rinnovo del proprio documento. In ultimo i Servizi Demografici hanno provveduto a pubblicare dei dati di sintesi della popolazione residente attraverso il portale web istituzionale, anche per rispondere alle numerose richieste di enti, uffici e cittadini sull’andamento demografico e sul movimento migratorio del comune.

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: