Sab. Gen 16th, 2021

Covid-19 a Città di Castello: Bacchetta “ieri 3 nuovi positivi e nessun guarito. Numeri bassi, ma il trend non è particolarmente tranquillizzante. Un secondo tifernate ricoverato in intensiva”

“I dati di ieri parlano di tre nuovi positivi e di nessun guarito”. Il sindaco Luciano Bacchetta ha aggiornato così stamattina la situazione dell’emergenza da Covid-19 a Città di Castello, riconoscendo come “permanga il trend non particolarmente tranquillizzante legato al fatto che, anche se i numeri sono molto bassi, i casi di nuove positività continuino a superare quelli di guarigione, come accade da cinque giorni”. “La circolazione del virus continua a essere piuttosto significativa e intensa, quindi, e dobbiamo prestare la massima attenzione e rispettare le prescrizioni”, ha ribadito il primo cittadino, nel dare notizia del fatto che “un secondo tifernate sia stato ricoverato nella terapia intensiva Covid, sugli otto complessivi che si trovano nell’ospedale di Città di Castello”. “Facciamo loro i più sentiti auguri ed esprimiamo la nostra vicinanza, con l’auspicio che possano guarire presto, perché non è certo bello trascorrere i giorni del Natale in ospedale”, ha aggiunto Bacchetta, nell’osservare come “saranno festività diverse per tutti noi, più complicate e inusuali, perché i provvedimenti presi dal Governo con l’istituzione di zone rosse e arancioni imporranno a tutti una sostanziale quarantena che dovremo cercare di vivere nel modo più sereno possibile, con la consapevolezza della particolarità del momento che stiamo vivendo e che ci dobbiamo attrezzare per trascorrerlo nel modo meno difficile possibile”. Il sindaco ha confermato che “sulle scuole non ci sia ancora nulla di certo, dopo la riunione in Prefettura dei giorni scorsi nella quale si è cercato di mettere a punto la fase di rientro in aula degli studenti delle superiori”. “Uno dei nodi principali continua a essere quello dei trasporti scolastici – ha spiegato Bacchetta – dove, a quanto dicono gli esperti, il rischio di contagio è più intenso che negli istituti, per cui si sta lavorando per garantire un rientro in classe che possa avvenire nella maggior sicurezza possibile, considerando che la circolazione del virus è intensa e non accenna a diminuire”. Il sindaco ha poi comunicato che “dopo tantissimi anni, purtroppo, la tradizionale, bellissima, iniziativa della discesa di Babbo Natale in canoa lungo il Tevere non si svolgerà”. “L’ennesimo appuntamento che viene cancellato per le nome anti-Covid”, ha preso atto Bacchetta, nell’esprimere “profondo dispiacere” e nel rivolgere “i migliori auguri al Canoa Club, che è sempre in prima linea e che ha tra l’altro illuminato il ponte del Tevere con un bel risultato visivo”. “Gli auguri vanno anche a tutte le altre associazioni sportive, che in questo momento stanno soffrendo il fermo delle attività”, ha aggiunto Bacchetta, nell’evidenziare come “lo sport dilettantistico sia una delle grandi vittime delle normative legate al contenimento del Covid, per cui l’auspicio è che possa ripartire quanto prima”. “Nei prossimi giorni – ha concluso il sindaco – continueremo a fornire i dati, sperando che migliorino, soprattutto che in coincidenza con l’arrivo del vaccino, che è uno spiraglio di luce importante da non sottovalutare assolutamente e che è atteso in Umbria il 27 dicembre, ci sia una inversione di tendenza significativa, che ci consenta di metterci alle spalle la fase di maggiore espansione del Covid”.

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: