Sab. Gen 16th, 2021

Covid-19 a Città di Castello: Bacchetta “ieri 9 guariti e 4 nuovi positivi. La curva del contagio pare essere in fase discendente. Da metà gennaioil via alle vaccinazioni”

“I dati di ieri ci parlano di quattro nuovi postivi al Covid-19 e di nove guariti”. Lo ha comunicato stamattina il sindaco Luciano Bacchetta, nel giudicare favorevolmente che “il numero dei nuovi postivi sembri scendere un po’, mentre continuano a essere molte le persone guarite”. “Viviamo una fase nella quale a Città di Castello la curva del contagio sembra in fase discendente, visto che siamo sotto i 150 casi di positività, nonostante qualche impennata come l’altro ieri che contraddice l’andamento generalizzato”, ha evidenziato il primo cittadino, osservando che “ora ci saranno da capire le conseguenze delle festività natalizie, degli spostamenti, dei rapporti tra le persone”. “Il periodo di Natale è particolarmente difficile da gestire, tant’è vero che a livello nazionale si si stanno discutendo nuove e piuttosto rigide limitazioni ed è molto probabile una stretta finalizzata a prevenire la famigerata terza ondata, che sarebbe molto preoccupante anche dal punto di vista economico, oltre che sanitario”, ha puntualizzato Bacchetta. “L’aspetto economico è una preoccupazione particolarmente importante, perché le difficoltà cui siamo costretti hanno inevitabili ripercussioni, specie per le attività medio-piccole ed è ovvio che un occhio di riguardo vada posto anche alla loro situazione, in particolare a quella dei pubblici esercizi, che soffrono le limitazioni conseguenti alle politiche di contenimento del Covid-19”, ha spiegato il sindaco, che ha fatto riferimento anche alle valutazioni in corso sulla riapertura delle scuole superiori, “sulla quale è in corso una ulteriore riflessione relativa a un rinvio per garantire il rientro in sicurezza, rispetto alla data del 7 gennaio”. Bacchetta ha quindi aggiornato la situazione dei tifernati ricoverati in ospedale, che sono attualmente otto, richiamando l’attenzione sul fatto che “il numero piuttosto alto di positivi della seconda ondata, che da noi sono stati comunque meno che altrove, ha determinato una certa percentuale di ricoveri, senza comunque che a Città di Castello siano stati mai superati i livelli di guardia”. “In ogni caso bisogna stare molto attenti, perché il vero grande rischio è che i posti letto in ospedale non siano in grado di accogliere le persone che ne hanno bisogno, un pericolo che al momento non corriamo, ma che dobbiamo fare in modo di non correre, mantenendo l’attuale andamento, che vede il numero dei nuovi positivi nettamente inferiore ai guariti”, ha ammonito il primo cittadino. Nel far riferimento al prossimo arrivo del vaccino, Bacchetta ha dato conto della dichiarazione dell’assessore regionale Luca Coletto, che ha annunciato come “i quattro luoghi dove verranno raccolti vaccini sono gli ospedali di Perugia, Terni, Foligno e Città di Castello, dove ci sono già i frigoriferi per conservare le fiale”. “La prima consegna prevede 16mila vaccini e avverrà nella prima metà di gennaio – ha spiegato il sindaco – si provvederà alle vaccinazioni negli ospedali indicati e direttamente nelle Rsa, con team itineranti che potranno anche andare a domicilio per i disabili”. “È comunque in corso anche una gara per acquisire altri frigoriferi, in modo da poter correttamente conservare i vaccini”, ha detto il primo cittadino, che ha aggiunto: “il piano di vaccinazione è stato già consegnato da parte della Regione alla presidenza del consiglio e sono in corso le consultazioni con il commissario Arcuri per individuare l’iter più corretto per poter vaccinare anche il resto della popolazione”. “In questa primissima fase verranno vaccinate le persone più a rischio, ovvero gli operatori sanitari e gli anziani ospiti delle Rsa,poi ci sarà una vaccinazione di massa, che non sarà obbligatoria ma sarà molto importante, perché il Covid si combatte con la prevenzione, con il controllo, i divieti, ma il vaccino è uno strumento indispensabile”, ha concluso Bacchetta.

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: