Sab. Mar 6th, 2021

Covid-19 a Città di Castello: Bacchetta “ieri 15 guariti e 14 nuovi positivi. Fondamentale tutela attività economiche e salvaguardia salute”


“I dati di ieri ci danno 15 persone guarite e 14 nuovi positivi”. E’ l’aggiornamento di oggi del sindaco Luciano Bacchetta sulla situazione del Covid-19 a Città di Castello. Il primo cittadino ha segnalato come “i dati siano tendenzialmente simili a quelli delle ultime settimane, con un numero dei guariti consistente che potrebbe indurre all’ottimismo, ma anche un numero di positivi significativo, che ci spinge, invece, alla massima prudenza e alla consapevolezza che la circolazione del virus è molto intensa e molto forte”. Bacchetta ha effettuato la comunicazione odierna nella sede della Provincia di Perugia, dove stamattina l’Associazione degli Amici del Presepio “Gualtiero Angelini” di Città di Castello ha allestito come da tradizione un presepe, opera del compianto Giulio Mariucci. “La Mostra Internazionale di Arte Presepiale, che ha più di vent’anni e ha raggiunto livelli importanti, non si svolgerà, al pari di altri eventi che abbiamo dovuto rinviare, come la Mostra del Tartufo, Altrocioccolato e ora anche le iniziative legate al Capodanno e all’Epifania”, ha sottolineato il sindaco, nel dirsi “dispiaciuto di aver dovuto fare scelte che hanno privato e priveranno la comunità tifernate di appuntamenti molto belli, che caratterizzano la nostra città”. In questo contesto Bacchetta ha osservato come sia “in corso discussione molto accesa a livello nazionale su ulteriori provvedimenti restrittivi da prendere per il periodo natalizio”. “Siamo in attesa di conoscere le decisioni del governo, alle quali ci adegueremo come è ovvio e doveroso che sia, perché in questa fase la circolazione del virus deve indurci alla massima prudenza”, ha spiegato il sindaco. Nel far riferimento alla vetrina mediatica avuta dal concerto dedicato ieri agli anziani della Muzi Betti, Bacchetta ha richiamato ancora l’attenzione sulla “buona notizia legata al fatto che i tamponi effettuati tra ospiti e operatori della struttura, dopo i recenti casi di Covid-19, non abbiano riscontrato alcuna positività”. “Un segnale molto importante, uno spiraglio di luce, rispetto a una situazione che in Italia e in Umbria continua a essere piuttosto preoccupante”, ha chiarito il sindaco, nel rivolgere l’appello a “mantenere molto alta la guardia anche nel corso delle festività natalizie”. “Dovremo comunque tentare di conciliare la sopravvivenza di alcune attività economiche, come i pubblici esercizi per i quali sarebbe terribile una nuova chiusura, con la tutela della salute”, ha spiegato Bacchetta, rimarcando che “tentare di contemperare queste esigenze è fondamentale, perché ci sarà un dopo Covid nel quale tutti torneranno a una vita normale e la speranza è che le attività economiche non escano da questa fase con le ossa rotte, come si è già verificato in alcuni casi”. “Dobbiamo fare tutti in modo che all’emergenza sanitaria non si aggiunga l’emergenza economica”, ha ammonito Bacchetta.

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: