Sab. Gen 23rd, 2021

Emergenza Coronavirus: Bacchetta “oggi 12 nuovi positivi e 2 guariti. Contagi specialmente in famiglia”


“L’Usl Umbria 1 nella giornata di ieri ci ha comunicato 12 nuovi positivi e due persone guarite, il totale dei casi sale, dunque, a 82”. E’ l’aggiornamento odierno della situazione dell’emergenza da Covid-19 a Città di Castello da parte del sindaco Luciano Bacchetta, che chiarisce: “Il trend è quello dei giorni scorsi, c’è una crescita abbastanza consistente di positivi, che però continuano a non presentare sintomi particolarmente preoccupanti, visto che anche le nuove persone risultate contagiate non sono ricoverate in ospedale e si trovano in isolamento domiciliare contumaciale”. “I dati potrebbero essere in aggiornamento, perché è subentrata la variabile rappresentata dal fatto che ora anche i laboratori privati sono stati autorizzati a effettuare i tamponi e devono fare le proprie comunicazioni”, ha spiegato il primo cittadino, nel ribadire “la preoccupazione per una situazione di grande crescita delle positività sia in Italia, che in Umbria, una regione che è ai vertici delle positività a livello nazionale, con numeri esorbitanti in molte città”. “A Città di Castello l’allarme non può e non deve essere foriero di angosce al momento, ma dobbiamo stare molto attenti, perché il virus in questa seconda fase sembra essere meno letale, ma è maggiormente capace di contagiare le persone”, ha osservato Bacchetta, che ha evidenziato: “i dati statistici che abbiamo si riferiscono specialmente a contagi familiari è quindi presentano la situazione più sgradevole per tutti noi, perché presuppone l’ulteriore assunzione di regole prudenziali anche dentro le mura di casa, ma dobbiamo comprendere che tutto questo è necessario”. “Non dobbiamo vivere la vicenda in maniera terrorizzante, ma dobbiamo essere molto responsabili e rispettare tutte le regole di distanziamento e prudenza, a tutela nostra e degli altri”, ha puntualizzato il sindaco, nel prendere atto che “grazie alle cure e all’affinamento degli strumenti scientifici e medici, la situazione dal punto di vista della pericolosità è migliore della primavera scorsa, come ci dicono anche i dati di Città di Castello”. Bacchetta ha quindi preannunciato che “per le festività dei santi e dei morti i cimiteri resteranno aperti”. “Verranno utilizzate le associazioni di volontariato per garantire un afflusso più ordinato possibile, a garanzia delle norme di sicurezza finalizzate a evitare assembramenti”, ha spiegato il primo cittadino. Rispetto alle chiusure anticipate previste dal recente Dpcm per gli esercizi pubblici, Bacchetta ha comunicato “una buona notizia”. “Dalle informazioni dirette che abbiamo avuto, sembra che il governo stia lavorando celermente e per l’immediato al ristoro per gli operatori economici”, ha detto il sindaco, che ha concluso: “se fosse così, sarebbe un fatto molto importante e positivo, che accoglieremmo con grande favore, perché i nostri operatori hanno sofferto il lockdown, hanno avuto una boccata di ossigeno in estate, ma stanno precipitando di nuovo in una situazione di grave difficoltà e crisi”.

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: