Gio. Dic 3rd, 2020

Ex-ospedale e “lascito Mariani: Tiferno Insieme”il danno e la beffa per la citta’. Sconcertati dai comunicati del PD”

“Non si può che rimanere sconcertati dai comunicati del PD locale firmati dal consigliere regionale Bettarelli (per tre anni vicesindaco) e dal segretario locale Mariangeli. Il primo ci informa che i 3 milioni precedentemente stanziati dalla Regione per il recupero dello stabile sono stati impiegati diversamente (fatto comunque grave). Il secondo se ne lamenta perché il PD “aveva portato alla fase conclusiva il progetto della Casa della Salute e del recupero del vecchio nosocomio cittadino” quando per ristrutturare lo stabile non bastano 12 milioni.
Questi esponenti politici, inoltre, paiono improvvisamente essersi scordati di far parte della stessa maggioranza di governo locale che finora ha legato indebitamente anche il lascito Mariani alla ristrutturazione dell’edificio (che non è del Comune) pur sapendo che non era legalmente possibile viste le chiare disposizioni testamentarie.
Sconcerta il fatto che per anni si è fatto campagna elettorale sulla base di queste indebite premesse e ancor più che, dopo sette anni di disponibilità dei 4 milioni del lascito Mariani, l’amministrazione comunale abbia deciso in maniera unilaterale di cederli alla Regione dopo aver sciorinato inutili promesse sul loro possibile impiego. Verrebbe da dire chi è causa del suo mal pianga se stesso.
Però fa ancor più rumore la cortina di silenzio che è caduta sulla questione da parte della Giunta locale e dei consiglieri di maggioranza. Gli stessi che solo poche settimane fa, sindaco Bacchetta in testa, plaudivano all’accordo stretto con la presidente Tesei in costanza della “cerimonia di passaggio” del lascito Mariani alla Regione che, insisteva la maggioranza, avrebbe legato i destini della realizzazione della Casa della Salute alla ristrutturazione dell’ex-ospedale come da (loro) promesse elettorali. Un fallimento su tutti i fronti.
Per questo motivo abbiamo ritenuto opportuno portare la questione in Consiglio e interpellare la Giunta per sapere se è intenzione dell’amministrazione comunale procedere ad una richiesta di ulteriore messa in sicurezza dello stabile e di intimare od obbligare con ogni mezzo possibile, la stessa Regione a utilizzare fondi di emergenza per evitare che il crollo del tetto prosegua, limitando così le possibilità di un recupero economicamente vantaggioso dello stabile. Chiediamo inoltre un aggiornamento sulla questione della cessione del Lascito Mariani e sul possibile utilizzo dello stesso in servizi sanitari locali”.

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: