Gio. Ott 22nd, 2020

Fioriscono gli orti sociali, taglio del nastro. Il Comune ha ottenuto due finanziamenti. Il terreno si trova al Bastione di Santa Lucia

Gli orti sociali sono spazi urbani destinati alla coltivazione e affidati a cittadini o associazioni.

Gli obiettivi sono molteplici: ambientale, sociale e di riqualificazione di zone della città che necessitano di un ripristino. In particolare, nel caso del Borgo, avranno anche fini didattici e per i disabili. Tornano così a nuova vita gli appezzamenti di terreno tra le due cinte murarie, rimasti incolti e inutilizzati da decenni.

I terreni al Bastione di Santa Lucia sono di proprietà dell’INPS che li ha concessi in comodato d’uso all’amministrazione comunale di Sansepolcro. La stessa ha vinto due bandi di finanziamento: uno per il progetto “Mille Orti sociali” e uno per “Città murate”.

“Siamo arrivati alla presentazione degli orti sociali, dopo una serie di opere e lavori che restituiscono alla città una zona da troppo tempo dimenticata e inutilizzata – dichiara l’assessore Del Siena – Quello che sta nascendo sarà un luogo di inclusione sociale, di diffusione di informazioni e conoscenze tra generazioni e dove si potrà socializzare. Tutto all’insegna dell’agricoltura. Dopo il taglio del nastro andremo a bando di gestione sia per questo orto che per quello di Villa Serena, che sarà inaugurato tra un mese circa. Ringraziamo l’INPS per la concessione, perché è una bella opportunità per la nostra comunità”.

Il progetto degli Orti Sociali è stato redatto con l’obiettivo di conservare e valorizzare il terrapieno pensile situato tra la doppia cerchia delle mura urbane (antimura e mura di origine medievale – malatestiana), che viene restituito alla città come straordinaria risorsa storica, ambientale e paesaggistica.

Il soggetto vincitore potrà disporre dell’area gratuitamente, impegnandosi a garantirne la piena funzionalità, conservazione e gestione secondo le linee guida regionali della iniziativa “Centomila orti in Toscana”.

La cittadinanza è invitata a partecipare. L’accesso è da via S. Croce n. 7, vicino alla casa di riposo di San Lorenzo.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: