Mar. Ott 20th, 2020

Consiglio comunale rinviato, Bacchetta chiede chiarimenti. Gruppo Misto “siamo numerosi con diverse visioni politiche, serve valutazione su come agire”


Rinviato il consiglio comunale di Città di Castello. Dopo l’annuncio del passaggio di Massetti al Gruppo Misto si è sviluppato un dibattito nel consiglio comunale di Città di Castello del 28 settembre 2020. Cesare Sassolini, capogruppo di Forza Italia, ha detto: “Il quadro del consiglio è cambiata. Il Pd ha perso consiglieri che sono passati in gruppo diverso. Le chiedo di aprire la crisi e di dire ai cittadini come intende proseguire nel suo mandato. Lei non avrebbe il numero legale per governare. Da cosa dipende?”. Andrea Lignani Marchesani, capogruppo di Fratelli d’Italia, ha detto “i conti li faranno i cittadini, il PD è un partito politico inadeguato a reggere le sorti di questa città e i tifernati ne devono tenere conto ed anche la Giunta comunale, se vuole mantenere legittimità, deve prendere atto”. Emanuela Arcaleni, consigliere di Castello Cambia, ha sottolineato che “La situazione emerge plasticamente dalle sedie vuote. C’è una crisi di maggioranza e chiedo agli assessori che sono espressione del PD in che posizioni stiamo e che spiegazioni ci possono dare. Il sindaco deve dare una lettura alla città non alle opposizioni. Chiederò la verifica del numero legale. Non è un problema di numeri soltanto ma politico”. Vittorio Vincenti, consigliere di Tiferno Insieme, si è rivolto al sindaco e alla maggioranza: “La Giunta è remunerata per prendersi responsabilità così come il sindaco. Sarà possibile che in una città con problemi pratici di buona amministrazione si può discutere le dimissioni legittime dei consiglieri? Questo è malgoverno. Richiamo anche gli assessori. Personalmente sono qui non per un interesse politico ma per un servizio. E’ irrispettoso per i cittadini. Dal punto di vista mediatico i nostri discorsi non vengono fuori. Vi interessa risolvere i problemi post Covid o i giochi politici?”. Gaetano Zucchini, capogruppo del Gruppo Misto, ha detto: “Va rispettata la scelta di Massetti. Non sono decisioni facili. Il tempo è galantuomo, come da galantuomo si sta comportando il Gruppo Misto che non ha mai fatto mancare l’appoggio alla maggioranza perché vi abbiamo ritrovati i punti programmatici di legislatura. Faremo le nostre valutazioni anche noi. Il Gruppo Misto è numeroso e con visioni differenti”. Nicola Morini, capogruppo di Tiferno Insieme, ha detto : “Tre indizi, come ha detto il sindaco, fanno una prova. In questo caso tre consiglieri usciti dal PD. C’è il silenzio assordante del PD. Questa maggioranza fin dall’inizio non ha goduto di buona salute. Non c’è nulla da rallegrarsi ma da assumersi le proprie responsabilità. Essendo il secondo punto una variazione di bilancio e del DUP, noi correttamente non garantiremo il numero legale. Se prendete atto che c’è una crisi di maggioranza, ne prenderemo atto”. Il sindaco Luciano Bacchetta ha dichiarato: “il sindaco ha recepito le indicazioni dei partiti per la Giunta e sono entrati in consiglio 4 non eletti. Non conosco perché ci sono 4 assenti del PD; l’unico del PSI è giustificato per malattia. Non sappiamo se l’assenza contemporanea sia un caso ma il PD ha 4 assessori e 4 consiglieri. Penso che siano assenti casualmente anche se all’ordine del giorno c’era bilancio e scuole, argomenti non secondari. Qui in realtà mancano PD ed anche la Lega che non c’è in questo consiglio comunale. Ma non parlo della crisi delle minoranze. Ho aspettato per nominare il presidente della Commissione di Controllo e Garanzia. Il fatto è che qui, stasera manca Pd e Lega. Io non sono stato scelto dalla nomenclatura ma dai cittadini. Ho vinto le primarie. Sono sindaco contro la nomenclatura. Aprirò una riflessione per la maggioranza ma anche la minoranza lo deve fare. Devo chiarire se la giustificazione del PD è falsa. In questo consiglio ci sono troppe ambizioni personali. Chiedo a quel che resta della maggioranza di votare il rinvio del consiglio perché il PD capisca se le assenze sono giustificate o ingiustificate. Se fosse un motivo politico ne prendo atto e chiederò ai 4 consiglieri di parlare con i 4 assessori, chiederò un incontro alla delegazione del PD e prenderò atto che non vogliono concludere la legislatura. Rinviamo una variazione di bilancio per dare risorse alle scuole. E in questo la minoranza non c’entra nulla”. Lignani: “Prendo atto ma bisogna rimodulare le date dei consigli”. Sassolini: “Ci asterremo dalla votazione”. Morini: “Lei è il sindaco della mia città. E nell’interesse della mia città, dica la verità ai cittadini. La crisi di maggioranza è conclamata. Noi come minoranza ci asteniamo”. Zucchini: “Mi ha stupito la sua moderazione. La sosterremo nella richiesta e chiedo al presidente di convocare per la prossima settimana il consiglio per favorire la discussione degli atti e dare un segnale di corretta responsabilità”. Il sindaco: “Se non fossero causali le assenze, mi dimetterei”.
CDCNOT/20/09/28/COMINLINEA/372/SSC

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: