Mar. Ott 20th, 2020

Covid e scuola a Città di Castello: Il 14 settembre si torna in classe


Ai 164 bambini dei servizi per la prima infanzia del comune di Città di Castello che lunedì sono tornati all’asilo nido in presenza, lunedì 14 settembre si aggiungeranno i 6000 tifernati tra 3 e 18 anni, che si collocano tra la scuola dell’infanzia e le superiori. Sono le cifre che l’Ufficio Scuola dirama a pochissimi giorni dalla riapertura delle scuole in presenza, con l’avvio lunedì 14 settembre 2020, del nuovo anno scolastico. L’Amministrazione comunale di Città di Castello fa il punto su questa scadenza “a cui guardiamo con particolare attenzione per le circostanze inedite che l’accompagno” dichiara in una nota il sindaco e l’assessorato ai Servizi Educativi “comune e dirigenze scolastiche arrivano a questo appuntamento cruciale per l’evoluzione della pandemia nei prossimi mesi, dopo un lavoro di mesi sull’adeguamento degli spazi e delle dotazioni insieme ai presidi e alla luce delle normative e delle linee guida AntiCovid. Siamo consapevoli che l’apprendimento senza la relazione ha una pregnanza ed anche una sostanza diversa e dall’altro lato che la scuola in presenza significherà per condizioni oggettive un banco di prova. Per questo ci rivolgiamo a 6000 e 28 concittadini che lunedì potranno rientranno in aula, chiedendo di essere collaborativi e rispettare tutte le misure a tutela del contagio”. I numeri della scuola in presenza di Città di Castello sono importanti: l’infanzia conta mille e 15 bambini, la scuola elementare, primaria, 1721, la scuola media o secondaria di primo grado 1.085 e le superiori 2.207 per un totale di oltre 6 studenti ma anche altrettante o quasi famiglie coinvolte negli spostamenti e nella routine connesi alla frequenza. Da questo punto di vista 244 famiglie si avvarranno del trasporto scolastico per i tragitti da e per le sedi mentre 1362 hanno aderito alla ristorazione scolastic

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: