Mar. Set 29th, 2020

Fase 3 Coronavirus: il sindaco Bacchetta chiarisce “a Città di Castello nessun nuovo positivo”. Appello ai giovani a rispettare le regole ed essere prudenti


“Rassicuriamo tutti rispetto alle voci che circolano, a Città di Castello non ci sono nuovi positivi”. A fare chiarezza è il sindaco Luciano Bacchetta, nel ribadire che “gli unici dati veri e certi sono quelli che comunichiamo noi come amministrazione comunale, perché ce li trasmette ufficialmente l’Usl Umbria 1”. “Al momento abbiamo una signora polacca positiva che si trova a Villa Muzi da lungo tempo – precisa il primo cittadino – ma per il resto non abbiamo positivi, non c’è nessun tifernate positivo, auguriamoci che questo continui nell’interesse e per la tranquillità di tutti”. “Le voci che si rincorrono spesso nascono anche dalla confusione, quando avevamo sei persone ricoverate a Villa Muzi provenienti da altre città dell’Umbria è venuta fuori la voce che a Città di Castello c’erano sei positivi alla Muzi Betti, ma Villa Muzi è una cosa e la Muzi Betti è un’altra”, ha osservato Bacchetta, nel far presente come “la situazione umbra registra attualmente alcuni focolai piuttosto isolati, in gran parte provenienti da situazioni lontane dalla nostra regione”. “Ovviamente anche con la circolazione estiva delle persone situazioni di questo tipo sono ampiamente prevedibili, l’importante è che vengano circoscritte, isolate e seguite con attenzione, cosa che mi pare stia avvenendo”, rimarca il sindaco che invita tutti a rispettare le regole, in particolare i giovani. “Ai nostri ragazzi raccomando la massima prudenza e soprattutto di cercare di seguire le indicazioni, a cominciare dalle mascherine e dal distanziamento, anche se ora è piuttosto difficile, perché credo che seguire alcune regole e adottare comportamenti prudenti sia importante alla luce di una situazione attuale a Città di Castello molto buona, molto tranquillizzante, che vorremmo continuasse a essere così”, afferma Bacchetta. “Siamo in periodo di ferie, tutti sappiamo che i nostri giovani hanno vissuto una primavera triste, chiusi in casa, dovendo rinunciare alle loro abitudini e alla loro socialità, oggi questa socialità si sta recuperando, ne siamo molto lieti, ma sappiamo che entreranno in contatto con ragazzi provenienti da altre realtà e il virus circola ancora, magari più debole di prima, per cui ci vuole la massima attenzione”, ribadisce Bacchetta, che guarda avanti: “dopo la fase estiva ci sarà la ripresa autunnale delle scuole, quello sarà il vero, grande, banco di prova al quale saremo chiamati e speriamo che la tendenza nella nostra città continui a essere questa, quindi, nell’augurare buone ferie a tutti, raccomando la prudenza, ma anche tranquillità”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: