Mer. Nov 25th, 2020

Città di Castello: ODG maggioranza su introduzione sgravi e agevolazioni per commercianti e artigiani

Sgravi e agevolazioni per i commercianti e gli artigiani di Città di Castello: a chiederlo sono i gruppi di maggioranza di Città di Castello, Pd con il capogruppo Mirco Pescari, Psi con il capogruppo Vittorio Morani, La Sinistra con il capogruppo Giovanni Procelli e Gaetano Zucchini, capogruppo del Gruppo Misto. La proposta, contenuta in un ordine del giorno, si pone nel momento in cui il bilancio del 2020 è in fase di elaborazione affinché nel momento in cui la manovra sta prendendo forma siano prevedute e messe a disposizione “quote importanti di bilancio per le minori entrate, relativi ad eventuali sgravi e siano valutate eventuali altri riduzioni di tariffe, soprattutto verso quelle utenze che per disposizioni legislative hanno obbligatoriamente dovuto sospendere l’attività, non usufruendo di servizi di pubblica utilità”. “Tenuto conto che quando l’emergenza del Covid-19 sarà rientrata, si prospetta una ripresa difficile per tutti” spiegano Pescari, Morani, Procelli e Zucchini “il sostegno alle attività commerciali e artigianali, attraverso i contributi di 600 e 800 euro, buoni spesa, con l’accesso alla Cassa Integrazione, hanno permesso agli artigiani, commerciati, titolari di attività in proprio, di non spegnere del tutto il motore. Per ripartenza delle attività sarà determinante il sostegno delle istituzioni, con nuove agevolazioni da prevedere e mettere sul piatto delle nostre finanze locali; tra le tante misure In questa direzione è quindi necessario prevedere degli interventi attraverso un impegno proprio del bilancio comunale. Il comune di Città di Castello può intervenire sulle proprie tariffe sia dei servizi in generale sia a domanda individuale e lo sforzo della nostra amministrazione dovrà essere finalizzato alla tutela di quelle attività più a rischio, sia per il perdurare delle disposizioni governative di chiusura, sia per normative sul distanziamento sociale, che sarà applicato nei prossimi mesi. L’agevolazione fiscale potrebbe concedere un po’ di respiro per i prossimi mesi, e potrà determinare condizioni utili per una rinascita, i cui tempi sono ancora incerti. Inoltre considerando che è stato già concordato ed annunciato dal sindaco il posticipo delle scadenze Tari, potrebbero risultare utili anche valutazioni relative al ricalcolo e sospensioni di altri tributi”.

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: