Ven. Dic 4th, 2020

Procelli: “covid-19, mascherine, coc e polemiche”

In riferimento alle recenti prese di posizione del collega consigliere comunale Andrea Dott. Lignani sulla distribuzione di mascherine ai cittadini da parte dell’Associazione G.C.P.C. , credo sia necessario chiarire perché tale  distribuzione non poteva essere  così  effettuata. Ciò per  i  criteri e linee guida adottati dall’Amministrazione Comunale di Città di Castello, dovuti a motivi diversi tra i quali certamente il primo è quello di garantire la sicurezza sanitaria sia per chi dona sia per chi riceve la mascherina. A queste disposizioni devono attenersi tutte le associazioni che collaborano con il Centro Operativo Comunale ed è per questo che il Sindaco, come Massima Autorità Sanitaria e Responsabile Comunale-Locale  della Salute dei Cittadini, come previsto dal D.Lgs. 1/2018 ( ex legge 225/1992 ), a firma congiunta con il Coordinatore del Centro Operativo Comunale, ha dovuto  richiamare l’associazione di cui sopra dall’astenersi dalla consegna di mascherine a domicilio, in quanto non autorizzata e soprattutto  effettuata senza alcun criterio stabilito e  modalità non conformi a quanto dettato  dalle Disposizioni per l’impiego del Volontariato redatto dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento di Protezione Civile.

Risulta però che il Consigliere Lignani non si è curato di accertarsi sulle  linee guida  e sulla motivazione della comunicazione del Sindaco, magari  chiedendo chiarimenti e confrontandosi  con il Coordinatore e con i funzionari del COC.

Si sottolinea inoltre che il Comune di Città di Castello, e questo rappresenta una vera ricchezza, all’Albo Comunale delle  Associazioni  ha un numero altissimo di associazioni iscritte  molte delle quali sono state subito pronte ed operative nel sostenere, supportare  ed aiutare  l’Amministrazione Comunale in un momento così tragico. Tra queste  certamente l’Associazione G.C.P.C.  ma anche ad esempio  la Croce Rossa Italiana, la Pubblica Assistenza Tifernate, il Gruppo Alfa, i radioamatori ARI-RE, l’Associazione Nazionale Carabinieri in Congedo, ecc… di queste ultime però nessuno dei politici che in questi giorni hanno stazionato, sfilato e fatto book fotografici in una “stanza” della Cittadella, si è accorto della loro presenza.

Avrei gradito che il Consigliere Lignani avesse espresso un ringraziamento a tutte le associazioni, ai dipendenti comunali, i funzionari in servizio al Centro Operativo Comunale che giornalmente si prodigano, spendendosi ogni giorno con generosità, per superare un’emergenza estremamente complicata, che comporta elevati rischi e non mettere in atto una polemica che sa tanto di avvio di campagna elettorale. E’ difficile  indovinare a favore di chi?

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: