Mer. Nov 25th, 2020

Lignani (FD’I) “prevedere fino al 100 per cento di suolo pubblico in più a canone invariato per bar e ristoranti, provvedimento necessario per rilanciare socialità, dare solidarietà concreta e garantire la salute”

Un messaggio di solidarietà concreta a bar, ristoranti e attività ricettive che saranno le ultime a riaprire vista l’emergenza sanitaria; questo il senso dell’interrogazione a risposta scritta presentata in data odierna. Molti sono tentati di gettare la spugna ma non solo non e’ giusto disperdere professionalità e colpire al cuore anche famiglie storiche del nostro Comune ma e’ altresì necessario garantire , in sicurezza, il rilancio della socialità nella nostra Comunita’. Quindi anche al fine di garantire il necessario distanziamento sociale che caratterizzerà la cosiddetta fase due si deve permettere agli operatori di poter godere a canone invariato di maggior suolo pubblico, fino al 100 per cento compatibilmente alle esigenze di sicurezza e viabilità. Una proposta a costo zero (sempre che nel bilancio non si trovino le risorse per abbassare il canone) che può dare anche un messaggio di speranza agli operatori in questa fase di prolungata chiusura. Si e’ utilizzato lo strumento dell’interrogazione a risposta scritta rispetto al più opportuno ordine del giorno in quanto il Consiglio non sarà convocato prima della seconda metà di maggio.

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: