Mer. Giu 16th, 2021

Consiglio provinciale – Approvato il Conto Consuntivo 2018 Rispettato il pareggio di bilancio, accantonamenti prudenziali per 43 milioni

Il Consiglio provinciale ha approvato a maggioranza il Conto Consuntivo 2018 con il parere favorevole del Collegio dei Revisori dei Conti. Il Presidente in apertura della seduta ha evidenziato come l’argomento fosse stato ampiamente illustrato nella riunione della Commissione bilancio dal dirigente d’area Alberto Orvietani che anche nell’aula del Consiglio ha tracciato i punti salienti del documento economico che ha rispettato il vincolo del pareggio di bilancio. Tra i punti salienti sono stati evidenziati inoltre gli accantonamenti prudenziali per 43 milioni di euro a garanzia dell’esigibilità dei crediti vantati dalla Provincia; la diminuzione della spesa corrente (personale, acquisti, servizi) di circa 10 milioni di euro rispetto al 2017; la diminuzione di debiti da finanziamenti (restituzione rate mutui alla Cassa Depositi e Prestiti). Un dato significativo, per la valenza della ricaduta economica e sociale che implica, è la tempistica nel pagamento dei debiti nei confronti di fornitori e esecutori di lavori che è passata dai 29 giorni del 2017 ai 18 del 2018. Un dato che fa della Provincia di Perugia un ente virtuoso. Resta secondo l’opposizione il problema del recupero delle somme dovute dalla Regione Umbria alla Provincia di Perugia per i lavori svolti sulle strade regionali. Una cifra che ammonta complessivamente dal 2016 al 2018 a circa15 milioni di euro. Al momento si è raggiunto un accordo per i soli 5 milioni dovuti per il 2016 di cui è stato recuperato un milione essendo stati dilazionati fino al 2022. La richiesta quindi è quella di accelerare il recupero anche delle altre somme dovute dalla Regione alla Provincia per gli anni successivi ai quali è prossima, con la chiusura del 2019, l’aggiunta di ulteriori circa 5 milioni di euro.

Il Consiglio, inoltre approvato la riorganizzazione dell’Ente necessario anche alla luce dei prossimi pensionamenti.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *