Gio. Ott 22nd, 2020

Presentato in commissione programmazione la proposta di bilancio 2019 del comune di Citta di Castello

Analizzata in commissione Programmazione del comune di Città di Castello la struttura del bilancio di previsione 2019, che arriverà in consiglio comunale il prossimo 8 aprile. A partire dal ritocco sull’Irpef, che, esclusa la zona di esenzione fino a 15mila euro di redditi, è tarata per tutti sullo 0,8, non ci sono aumenti nella parte tariffaria dei servizi a domanda individuale ma è stata prevista l’introduzione dell’imposta di soggiorno per un euro al giorno e un gettito di circa 70mila euro. Naturalmente non riguarda i residenti e l’introito sarà reinvestito nel circuito cultura e turismo. Le risorse sono destinate con programmi straordinari alle strade con 710mila euro nel 2019, 600mila nel 2020 e 600mila nel 2021. Sull’adeguamento sismico e la ristrutturazione delle scuole è a bilancio un cofinanziamento dello Stato: il comune parteciperà nel triennio per 2milioni circa. Ad Agenda Urbana vanno più di 200mila euro nel 2019. La riduzione del fondo per i crediti di dubbia esigibilità è una delle azioni: 9milioni sono accantonati, di cui due milioni per l’anno in corso. I tre agenti di riscossione sono: Dogre su tassa pubblicità affissione, il Comune che riscuote sull’Imu e Infrazioni al Codice della Strada attraverso Equitalia ma è stato annunciato di voler individuare un nuovo soggetto attraverso gara. Il terzo soggetto gestore è Sogepu per la Tari, la tassa sui rifiuti. La cifra delle sanzioni al Codice della Strada nel bilancio 2019 è stata alzata fino a 700mila euro perché verranno installati i varchi elettronici

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: